Aereo Parigi-Cairo precipitato, i servizi segreti russi: "Un attentato"

Lo ha riferito il direttore dell’FSB Aleksandr Bortnikov

Un attentato terroristico. Potrebbe essere questa la causa alla base della catastrofe aerea dell’Airbus 320 della compagnia EgyptAir, partito da Parigi e diretto al Cairo, che si è inabissato stamani dopo essere entrato nello spazio aereo egiziano. Lo ha afferamto il direttore dell’FSB, i servizi segreti russi, Aleksandr Bortnikov. “Già sapete cosa è successo a un altro aereo in Egitto – ha detto, facendo riferimento al velivolo russo schiantatosi nel 2015 sul Sinai -. A quanto pare si tratta di un attentato terroristico, a causa del quale sono morte 66 persone”. Bortnikov ha quindi inivitato gli altri Stati e in particolare gli alleati dell’Europa a prendere misure congiunte per identificare i colpevoli di “questa azione atroce”.

Tra i passeggeri dell’aereo precipitato in mare (così come ha confermato il Presidene francese Francois Hollande) c’erano anche un bambino e due neonati.

La giustizia francese ha annunciato l'apertura di un'inchiesta, mentre la Procura generale egiziana ha ordinato un'indagine sullo stato di sicurezza.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta