Il Cremlino: “La Russia non è una minaccia per la Nato”

Mosca risponde alle affermazioni del generale Curtis Scaparrotti, secondo il quale l’Alleanza deve essere pronta a contrastare le minacce provenienti da Est. Perskov: “Sosteniamo la cooperazione tenendo conto degli interessi di tutti i partner”

Mosca risponde alle affermazioni del generale americano Curtis Scaparrotti, secondo il quale la Nato deve fronteggiare una Russia che “cerca di mostrarsi una potenza mondiale”. Scaparrotti aveva quindi invitato l’Alleanza Atlantica a essere pronta a contrastare le minacce provenienti da Mosca.

Ma la Russia non è una minaccia per nessuno, ha risposto il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov. "Abbiamo più volte detto che, di fatto, una Russia che torna viva non è una minaccia per nessuno - ha detto Peskov -. Come sempre la Russia sostiene la cooperazione, tenendo conto degli interessi di tutti i partner. La Russia chiede una gestione congiunta delle situazioni di conflitto. Ma allo stesso tempo la Russia non può certo ignorare qualsiasi azione che, direttamente o potenzialmente può costituire una minaccia per i propri interessi nazionali”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta