Mosca, urla “Allah akbar” con in mano testa mozzata di una bambina

Si tratterebbe di una babysitter che avrebbe decapitato la piccola nell'appartamento dove si trovava, appiccando poi fuoco alla casa. Immediato l'intervento della polizia che ha arrestato la donna

Attimi di panico a Mosca, dove una donna si è avvicinata alla fermata metropolitana Oktyabrskoe Pole (a nord del centro, sulla linea viola) reggendo in mano la testa mozzata di una bambina di circa 3-4 anni.

Così come si legge sulle agenzie russe, la donna - una babysitter di origini centroasiatiche - avrebbe iniziato a urlare “Allah akbar”, minacciando di farsi esplodere, anche se al momento non è chiaro se avesse con sé dell’esplosivo. Immediato l’intervento della polizia che ha circondato la stazione e ha arrestato la donna. 

Il corpo della bambina, scrive Ria Novosti, è stato trovato all’interno di un appartamento al quale avrebbe dato fuoco. Ancora sconosciuti i motivi dell’omicidio.

Fonte: Ria Novosti / Vesti

Continua a leggere:

Terrorismo, quali saranno le prossime mosse dell’IS?

Terrorismo, così cresce la paura

"Vi racconto com’è la guerra in Siria"

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta