Sanzioni, Kosachev: "L'Italia si oppone al rinnovo automatico"

Secondo il capo del comitato internazionale del Consiglio della Federazione, Konstantin Kosachev, che a Mosca ha incontrato una delegazione del Gruppo Italiano Unione Interparlamentare, a giungo si tornerà a discutere dei provvedimenti contro la Russia. "Sono sicuro che l'Italia non si opporrà da sola alle sanzioni"

L’Italia si oppone all’estensione automatica delle sanzioni contro la Russia. E a giugno vuole riaprire il dibattito su tale questione. Lo ha detto il capo del comitato internazionale del Consiglio della Federazione, Konstantin Kosachev, al termine di un incontro del gruppo parlamentare tra Italia e Russia. “I parlamentari hanno ricordato la posizione del premier italiano Matteo Renzi, secondo la quale a giugno l’Italia si opporrà al prolungamento automatico delle sanzioni contro la Russia. E io sono convinto che l’Italia non si opporrà da sola. Sicuramente ci sarà una discussione. Quali saranno poi i risultati, lo staremo a vedere”, ha detto Kosachev, così come riporta l’agenzia Ria Novosti.

Kosachev ha quindi sottolineato che tutti i partecipanti dell’incontro si sono detti d’accordo sul fatto che le sanzioni non stanno dando i risultati sperati e che non hanno alcun senso. “I nostri partner italiani - ha aggiunto - si sono detti d’accordo sul fatto che non si possono attribuire tutte le responsabilità alla Russia in merito al non rispetto degli accordi di Minsk. Sarebbe qualcosa di illogico e ingiusto”. Kosachev ha infine aggiunto che tale posizione non facilita, anzi, rende ancor più difficile, la strada per il rispetto degli accordi di Minsk, dal momento che la parte ucraina non è motivata a rispettare gli accordi. 

Kosachev ha concluso dicendo che i membri del comitato internazionale del Consiglio della Federazione prevedono a maggio un viaggio in Italia per incontrare i partner locali. Le date dell’incontro sono ancora da stabilire.

La delegazione del Gruppo Italiano dell'Unione Interparlamentare è in visita in questi giorni a Mosca per incontrare le commissioni della Duma russa (Affari Internazionali, Energia, Politica Economica, Istruzione, Cultura) e del Consiglio della Federazione (Affari internazionali). La delegazione è composta da Alessandro Pagano (Nuovo Centro Destra), Sergio Divina (Lega Nord), Marta Grande (Movimento 5 Stelle), Pietro Laffranco (Forza Italia) e Girgis Giorgio Sorial (Movimento 5 Stelle).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta