Casi di influenza suina anche a San Pietroburgo

Le raccomandazioni del Consolato italiano: "Rispettare le fondamentali norme di profilassi previste per tutte le malattie infettive"

Secondo quanto segnalato dalle autorità locali, a San Pietroburgo e nella regione di Leningrado si registrano in questi giorni diversi casi di influenza "suina" (virus A/H1N1), un’infezione virale acuta dell’apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente simili a quelli classici dell’influenza.

La notizia è stata ripresa in una nota dal Consolato italiano di San Pietroburgo, che raccomanda “il rispetto delle fondamentali norme di profilassi previste per tutte le malattie infettive (coprire con un fazzoletto naso e bocca in caso di starnuti o tosse, lavare le mani frequentemente, evitare contatti ravvicinati con persone che potrebbero essere infette etc.)”.

Sul sito del Comitato della Pubblica Sanità di San Pietroburgo, poi, si legge che "lo stato dell’epidemia di influenza è stato ufficialmente proclamato a San Pietroburgo il 22 gennaio 2016”.

Ogni giorno a San Pietroburgo circa 11-12mila persone ricorrono all’assistenza dei medici a causa dell’influenza e di infezioni alle vie respiratorie. Circa 7-8mila di queste sono minori. In buona parte dei casi si tratta del sottotipo del virus H1N1 (influenza suina)”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta