Putin accusa la Turchia di complicità con l'Is

Il numero uno del Cremlino, da Parigi: "Il nostro aereo abbattuto per proteggere le forniture illegali di petrolio dall'Is alla Turchia"

Si accentuano le tensioni tra Mosca e Ankara. Così come si legge su Ria Novosti, durante una conferenza stampa a Parigi, il capo del Cremlino Vladimir Putin ha dichiarato: “Abbiamo tutte le ragioni per pensare che la decisione di abbattere il nostro aereo sia stata dettata dalla volontà di proteggere queste rotte di transito del petrolio verso il territorio turco, per assicurare forniture illegali di petrolio dall'Is alla Turchia”. Con queste parole il Presidente russo avrebbe accusato il leader turco Recep Tayyp Erdogan, che non si è ancora scusato per l’aereo militare russo abbattuto sul confine siriano, di complicità con l’Is.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta