Nuove regole per gli alberghi russi

L’ingresso del Radisson Blu Resort & Congress Centre di Sochi, hotel che ha ospitato il Comitato olimpico internazionale durante le Olimpiadi invernali del 2014.

L’ingresso del Radisson Blu Resort & Congress Centre di Sochi, hotel che ha ospitato il Comitato olimpico internazionale durante le Olimpiadi invernali del 2014.

Ria Novosti/Valery Melnikov
Check in e check out a mezzogiorno. Chi entra in camera a mezzanotte potrà pagare solo mezzo pernottamento. Inoltre gli hotel saranno tenuti a offrire gratuitamente alcuni servizi, come le chiamate di emergenza e l’uso della farmacia

Nuove regole per gli alberghi della Federazione. Dal 21 ottobre scorso infatti sono entrate in vigore nuove normative che dovranno essere rispettate da tutti gli hotel, ad eccezione solamente dei campi e delle basi turistiche giovanili, degli ostelli distrettuali, dei camping e dei campi organizzati per bambini. 

I prezzi dei servizi, nonché le informazioni sul proprietario dell’esercizio, dovranno essere obbligatoriamente esposti nella reception. Per poter soggiornare in un albergo il turista dovrà necessariamente avere con sé il passaporto, indipendentemente dal fatto che sia straniero o russo. Nel caso di un ospite senza cittadinanza, sarà allora indispensabile mostrare il permesso di soggiorno.

Il check in e il check out dovranno essere fatti a mezzogiorno. Coloro che si sono stabiliti nelle camere a mezzanotte per abbandonarle all'ora del check out, dovranno pagare solo mezza giornata. Il personale alberghiero è tenuto a servire i clienti ventiquattr'ore su ventiquattro, fatta eccezione per quelle strutture con meno di 50 camere. A quest'ultime è data la possibilità di gestire autonomamente gli orari dei servizi.

Gli alberghi inoltre sono tenuti ad offrire gratuitamente ai propri clienti alcuni servizi, fra cui le chiamate di emergenza al pronto soccorso o alla polizia, l'uso delle farmacie, il servizio di recapito della posta indirizzata agli ospiti dell'albergo, la fornitura di acqua bollente, aghi e fili, stoviglie e posate.

Qui la versione originale del testo

 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più