All'Expo va in scena il gelato dalla Russia

Gelato al tè

Gelato al tè

Russia Expo 2015
Doppio appuntamento nella cucina a vista del Padiglione Russia con degustazioni speciali di gelato al tè e lezioni di chef dalla Federazione

La cucina a vista del Padiglione Russia a Expo Milano 2015 sarà protagonista di un doppio appuntamento il 29 settembre 2015: il primo alla mattina alle 11 con gli chef e aspiranti cuochi dell'Accademia del Gusto Ascom Bergamo e il secondo alle 20:00 con degustazioni di specialità di gelato al tè da Mosca.

Alle 11 una delegazione dall'Accademia del Gusto Ascom Bergamo assocerà la sua visita al Padiglione Russia a Expo Milano 2015 con una lezione di cucina con gli chef russi. Con la degustazione straordinaria delle 11 gli ospiti potranno provare tipici Oladi russi (piccole frittelle) con varenie (conserva di frutta), cucinati insieme ai cuochi bergamaschi.

L'appuntamento goloso continua anche la sera. In collaborazione con l'azienda moscovita “Chaynaya vysota. Casa del tè e del gelato” alle 20 verranno presentati a Expo Milano 2015 due particolari tipi di creme gelato russe al tè, il plombir e il sorbetto. La ricetta è nata nel 2006 e permette di creare delicatissime creme naturali al sapore dei migliori tè: verde, bianco, nero, Pu'er o Oolong. La loro produzione unisce le pratiche assodate della cultura europea e russa in materia di gelato, per questo è diventato un vero e proprio fenomeno gastronomico a Mosca.

Al Padiglione Russia sarà inoltre possibile degustare otto dei 129 gusti di gelato elaborati in 9 anni di lavoro e ricerca, tra cui il "plombir blu", con mirtilli e pinoli, il gusto "su le pigne!" con panna e pigne di abete bianco e il sorbetto con frutti dei boschi fuori Mosca.

Tutti i gusti sono basati su una combinazione di bouquet di tè pregiati e deliziose specialità provenienti da diverse regioni della Russia e del mondo. Di norma ogni creazione contiene dalle tre alle sette componenti aromatiche, tra cui tisane, frutta, spezie, bacche, frutta secca, erbe, aghi di pino, radici e fiori, succhi di frutta e specie rare di latte e persino formaggi.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta