Dalla Russia uno show­cooking all'Expo

Gli chef Sergey e Ivan Berezutsky (Foto: Russia Expo 2015)

Gli chef Sergey e Ivan Berezutsky (Foto: Russia Expo 2015)

Gli chef Sergey e Ivan Berezutsky, fondatori del ristorante moscovita “Twins” nonché ambasciatori russi all'Esposizione universale di Milano, prepareranno piatti speciali per gli ospiti del Padiglione Russia

Una coppia di chef d'eccezione animerà la cucina a vista del Padiglione Russia giovedì 10 settembre 2015: i due fratelli gemelli Sergey e Ivan Berezutsky. I due chef operano tra Mosca e San Pietroburgo e sono i fondatori del ristorante moscovita “Twins”.

Dopo le serate del 7 e 8 settembre come ospiti d'onore al temporary restaurant di Identità Expo, Sergey e Ivan Berezutsky il 10 settembre alle 17 animeranno con il loro show­cooking il Padiglione Russia, di cui sono ambasciatori.

Per l'occasione, i giovani chef prepareranno melanzane al forno con kvas e salsa di semi di canapa, un piatto estivo presente nel menù del loro ristorante “Twins” e rivisitato per l'esibizione nella cucina a vista del padiglione del loro paese all'Esposizione Universale 2015 a Milano.

Il menù di “Twins” è diviso in base al tipo di prodotti utilizzati e questa ricetta fa parte della sezione “verdure”, destinata a dimostrare come una qualsiasi verdura può essere reinterpretata e trasformata in un piatto insolito.

Insieme al fratello Ivan, Sergey Berezutskiy fa parte di quel genere di chef giovani e di talento che costellano la cucina russa contemporanea. Sergey Berezutskiy è un maestro negli esperimenti creativi e detiene il titolo di “Best Young Chef Russia 2014” ed è l'unico rappresentante della Russia che abbia mai vinto il prestigioso concorso internazionale S. Pellegrino Cooking Cup.

Ivan viene chiamato il “mago N.1 di San Pietroburgo” ed è stato il primo chef russo a vincere la IV gara internazionale di alta cucina. Così come il fratello Sergey, presta anche lui particolare attenzione all'utilizzo di prodotti regionali nella preparazione dei suoi piatti. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta