Ucraina, incontro a Roma per uscire dal conflitto

Intellettuali ed esperti insieme per avanzare proposte utili a risolvere la crisi. L'incontro si terrà il 3 settembre 2015

Pil a -25% nel 2014, 1,2 milioni di sfollati e 323mila richieste di assistenza finanziaria. In Ucraina gli effetti del conflitto nel Donbass si fanno sentire e a pagare è un intero Paese, oltre ai rapporti commerciali tra Europa e Asia. Per questo la diplomazia, gli uffici internazionali e i centri di studi politici sono alla ricerca di soluzioni condivisibili e in grado di superare il conflitto armato. Domani 3 settembre 2015 a Roma, presso la sede di rappresentanza della Commissione Europea (via IV Novembre, 149), gli intellettuali ucraini e un tavolo di esperti internazionali discuteranno le strategie di uscita dal conflitto tra Kiev e Mosca. 

La conferenza, in programma dalle 9.30 e moderata dal direttore di Askanews, Paolo Mazzanti, è organizzata dall’Ukrainian Institute of strategies of global development and adaptation (Uisgda), con la collaborazione di Link Campus University, Eurasiatx, Centro Eurasiatico di Comunicazione e Conoscere Eurasia.

Parteciperanno Yossi Beilin, già ministro della Giustizia ed ex vice ministro degli Affari Esteri di Israele, negoziatore negli Accordi di Oslo del 1993; Vincenzo Scotti, presidente della Link Campus University e già ministro degli Esteri e dell’Interno; Victor Levytskyy, direttore dell’Istituto ucraino di strategie globali per lo sviluppo e l’adattamento (Uisgda); Alexander Bilokobylskyi, direttore della sede di Kiev di Uisgda; Gabriele Natalizia, docente di Politica internazionale e coordinatore della rivista "Geopolitica"; Eugenio Di Rienzo, ordinario di Storia Moderna alla Facoltà di Scienze politiche de La Sapienza e autore de “Il conflitto russo-ucraino. Geopolitica del nuovo dis(ordine) mondiale”; Angiolino Lonardi, direttore editoriale di Eurasiatx e direttore relazioni istituzionali di Conoscere Eurasia. 

Live streaming anche via web all’indirizzo www.eurasiatx.com/conference

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta