A Sanremo trionfano i giovani talenti dell'Est

La città ligure ha ospitato il festival-concorso internazionale per bambini “Buongiorno Sanremo!”, che ha coinvolto diversi ragazzi dalla Russia e dal Kazakhstan

Un momento delle premiazioni (Foto: ufficio stampa)

Il 23 giugno a Sanremo, nell’ambito del progetto “Salyut talantov”, si è svolto il secondo festival-concorso internazionale per bambini e giovani artisti “Buongiorno Sanremo!”, che ha coinvolto piccoli talenti da Russia, Kazakhstan, Italia e Francia. L’evento è stato organizzato con il sostegno di Rossotrudnichestvo. Come da tradizione, la manifestazione si è conclusa con un concerto di gala, al quale hanno partecipato anche il console generale della Russia a Genova, Kirill Terentev, e Daniela Cassini, Assessorato al Turismo, alla Cultura e alle Manifestazioni del comune di Sanremo.

Il gran premio del festival se l’è aggiudicato il Teatro “Matreshki” di Pavlodar, Kazakhstan: i giovani artisti sono riusciti a interpretare con i loro balli “il vero spirito di amicizia tra i popoli”.

Giovani talenti sul palco (Foto: ufficio stampa)

Il premio per il miglior costume è invece andato al gruppo di Sanremo “La Fenice” e alla giovane Maria Varlamova di Pavlodar, che si è esibita con un abito tradizionale del proprio paese. 

Aruzhan Dzhulsembuninov di Pavlodar si è invece conquistata con la sua esibizione il titolo “Simpatia della giuria”.

Durante la manifestazione è stata inoltre allestita una mostra: il titolo “Per il miglior lavoro artistico” è stato assegnato ai ragazzi dell’Ecole d’arts Aloha (Cannes, Francia), ad Andrei Shmotev con il suo “Souvenir russo” e a Ulyana Kupreeva con il quadro “Sakura”.

L’evento è stato inoltre un’occasione per organizzare una master class tenuta dalla regista e pedagoga Oksana Ernst.

“Salyut talantov” è un progetto internazionale istituito nel 2008 e nel corso di un intero anno organizza circa 80 festival-concorsi dedicati ai giovani in varie città d’Europa e del mondo. 

Giovani talenti sul palco (Foto: ufficio stampa)

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta