Turismo, in calo i viaggiatori russi in Europa

Secondo Rosstat, l’Italia ha perso un 31% di visitatori nel primo trimestre del 2015. Tra le destinazioni in calo anche Spagna, Grecia ed Egitto

Nel primo trimestre del 2015, i turisti russi hanno realizzato un 40% di viaggi in meno all’estero. Lo riporta l’agenzia di stampa Tass, che cita Rosstat, il servizio statale di statistica russo. L’Italia risulta tra i paesi più colpiti: nel belpaese si registra un 31% di flusso di turisti in meno. Male anche Spagna (-41%), Grecia (-29%) ed Egitto (-25%), rispetto al 2014.

Dati simili sono stati diffusi anche da enti europei: la Commissione Europea per il Turismo ha infatti fatto sapere che il turismo russo verso l’Europa è caduto del 30% nel primo trimestre di quest’anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Una situazione che riflette la complessa situazione del mercato finanziario: secondo Rosstat, ad aprile 2015 i salari dei russi si sono ridotti del 13,2%. Ciò, sommato all’aumento dei prezzi dei prodotti e dei servizi, ha causato una frenata nell’acquisto di viaggi all’estero.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta