Export, Mosca all’Expo lancia il Made in Russia

Igor Shuvalov all’ingresso del Padiglione Russia dell’Expo (Foto: Russia Expo 2015)

Igor Shuvalov all’ingresso del Padiglione Russia dell’Expo (Foto: Russia Expo 2015)

Un nuovo progetto per dare visibilità e riconoscibilità ai prodotti della Federazione sui mercati esteri, per far capire che la Russia non esporta solo petrolio e gas: è questa l’iniziativa presentata a Milano dal primo vicepremier Igor Shuvalov

Un nuovo progetto per promuovere le esportazioni russe nei mercati esteri: si chiama “Made in Russia”, ed è l’iniziativa presentata il 5 giugno 2015 al Padiglione Russia dell’Expo da Igor Shuvalov, primo vicepremier della Russia e presidente del Comitato organizzatore della sezione russa per Expo Milano 2015. Il progetto (sostenuto dall’agenzia russa per l’assicurazione del credito all’export, Exiar) è stato pensato per creare un'immagine univoca, capace di identificare le esportazioni russe nel loro complesso e promuoverle sui mercati esteri.

“Nell'immaginario globale è ormai diffusa l'idea che la Russia esporti solo petrolio e gas - ha spiegato Mikhail Sadchenko, direttore generale del progetto “Made in Russia” -. Abbiamo pensato a questo progetto per far capire che non è così: sono molte infatti le aziende di successo che già esportano i propri prodotti in molti paesi del mondo in diversi settori, come giocattoli, biciclette o apparecchiature audio e video. Con questo progetto vogliamo sostenere l'immagine del nuovo brand nazionale Made in Russia”.

Dare quindi riconoscibilità, visibilità e maggior promozione ai prodotti russi, accompagnandoli sui mercati esteri: è questo lo scopo del progetto. 

La presentazione del progetto “Made in Russia” (Foto: Russia Expo 2015)

Durante la sua visita all’Expo, Shuvalov ha inoltre avuto modo di ammirare con i proprio occhi il Padiglione Russia: “I visitatori non rimarranno delusi, che vengano a vedere - ha detto -. C'è molto da conoscere: non solo le grandi ricchezze naturali della Russia, ma anche le scoperte scientifiche, che ci fanno capire che siamo in grado di dare al mondo prosperità e di lottare contro la fame. E poi al nostro padiglione si può anche mangiare e trovare un po' di relax”.

Alla giornata erano presenti anche il vice ministro dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa Georgy Kalamanov, il primo vice presidente di Vnesheconombank Petr Fradkov, l'amministratore delegato di “EXIAR” Alexei Tyupanov, oltre ai rappresentanti di aziende straniere e di imprese russe orientate all’export.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta