Economia, Nabiullina: “Prematuro dire che la crisi è passata”

Ancora troppo forte il peso delle sanzioni e dei prezzi del petrolio. Secondo il governatore della banca centrale russa, senza riforme strutturali l’economia della Federazione è destinata a una crescita limitata

Da San Pietroburgo, il governatore della banca centrale russa Elvira Nabiullina ha dichiarato che l’economia russa, senza riforme strutturali, è destinata a una crescita limitata. 

Nabiullina ha aggiunto che è "prematuro" dire che la crisi in Russia è passata, poiché sull’economia continuano a pesare le sanzioni occidentali e i prezzi bassi del petrolio. “È prematuro dire che tutti gli elementi della crisi sono superati - ha detto Nabiullina, citatata da Interfax -. I rischi sono diminuiti, ma restano”.

La Russia poi ha annunciato ieri che aumenterà le riserve auree del 40% portandole a 500 miliardi di dollari. Al momento la somma detenuta nei forzieri è di 360,5 miliardi di dollari.

"Gli ultimi avvenimenti ci hanno spinto a riprendere in considerazione le nostre idee sui livelli sufficienti e necessari di riserve auree", ha concluso Elvira Nabiullina.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta