A Merano si racconta la storia: inaugurata la mostra sulla Seconda Guerra Mondiale

Per i 70 anni della fine del conflitto e della Vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista, un’esposizione racconta quelle tragiche vicende attraverso le fotografie dell’agenzia Tass

Una mostra per ricordare. È stata inaugurata il 28 aprile 2015 l’esposizione "La cronaca fotografica della TASS: 1945 – La liberazione dell’Europa dal fascismo”, allestita nella sede del Centro per la Cultura di Merano (via Cavour 1). L’esposizione, allestita a 70 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, presentata dal Centro russo Borodina e dall’agenzia russa Tass, mette in mostra fotografie uniche, divenute simbolo della tanto attesa fine del conflitto, conosciuto in Russia come Grande Guerra Patriottica. “Oggi più che mai è importante ricordare, con profondo riconoscimento, l’eroismo di coloro che hanno vissuto momenti così difficili”, ha affermato il presidente del Centro Russo Borodina, Vladimir Yakunin. Il sindaco di Merano Günther Januth ha invece sottolineato il ruolo importante di mostre come questa, che consentono “alle nuove generazioni di non dimenticare quegli eventi terribili”. 

“Merano - ha aggiunto il primo cittadino -, è un esempio di convivenza pacifica tra i popoli, come quello tedesco e italiano”. Januth ha inoltre affermato che la convivenza pacifica è un elemento fondamentale per evitare speculazioni politiche: “Molte situazioni vengono ora politicizzate - ha detto -. Meno politica significa meno divisioni e meno conflitti”. 

L’archivio fotografico della Tass sulla Seconda Guerra Mondiale, dal quale sono stati presi gli scatti esposti, rappresenta la più grande collezione di immagini fotografiche di quel periodo.

La mostra resterà aperta fino al 16 maggio 2015.

Per maggiori informazioni:
Centro per la Cultura
Via Cavour 1, Merano
Tel. +39 0473 213935
www.centroperlacultura.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta