Peschereccio affondato nel Mare di Okhotsk, rimpatriate le salme di 16 marinai

I corpi sono partiti da Yuzhno Sakhalinsk all’interno di un volo charter

Sono tornati a casa i corpi di 16 marinai morti nel naufragio del peschereccio Dalny Vostok. Così come ha fatto sapere a Interfax il rappresentante del Ministero degli Affari Esteri a Yuzhno Sakhalinsk, Vladimir Nosov, le salme sono partite da Yuzhno Sakhalinsk all’interno di un volo charter. 

“Un volo charter di una compagnia aerea sudcoreana è partito dall’aeroporto di Yuzhno Sakhalinsk ale 6.35 ora locale, diretto a Naypyidaw, capitale di Myanmar, per rimpatriare 16 salme”, ha detto Nosov. In totale, nella tragedia hanno perso la vita 57 persone, compreso il capitano della nave.

L’imbarcazione è affondata il 2 aprile al largo delle coste della Kamchatka. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta