Fmi, peggiorano le previsioni sulla Russia per il biennio 2015-2016

Nel 2015 la contrazione del Pil si attesterebbe al 3,8% e all’1,1% nel 2016

Secondo il World Economic Outlook (Weo), il rapporto sull'economia globale pubblicato nell'ambito delle riunioni primaverili del Fmi a Washington, l'economia russa si contrarrà quest'anno del 3,8% dopo un +0,6% nel 2014 e un +1,3% nel 2013. La stima è stata peggiorata dello 0,8% rispetto all'aggiornamento dello scorso gennaio.

Per il 2016 è atteso un -1,1% dell'economia, una contrazione dello 0,1% più ampia rispetto a quanto calcolato a inizio anno. 

Le cause di questi risultati sarebbero da ricercare nella caduta del prezzo del petrolio, nelle sanzioni internazionali e nel crollo della fiducia da parte degli investitori. 

“Appropriate” invece le misure adottate dalla Banca centrale russa, secondo il Fondo: in risposta a un significativo deprezzamento del rublo, la Banca lo scorso dicembre ha alzato i tassi di 750 punti base al 17% e ha anche adottato un regime sui cambi valutari più flessibile.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta