Ucraina, a Berlino Mosca e Kiev estendono il ritiro delle armi

Oltre al ritiro delle armi pesanti dovrebbero essere ritirati anche i carri armati e l’artiglieria leggera

A Berlino Mosca e Kiev chiedono il ritiro di altri tipi di armi dall’Est dell’Ucraina. Questo l’accordo trovato a Berlino tra i Ministri degli Esteri di Russia, Ucraina, Francia e Germania, il cosiddetto formato Normandia. Oltre al ritiro delle armi pesanti, già stabilito durante i colloqui di Minsk, dovrebbero essere ritirati anche i carri armati e l’artiglieria leggera

Secondo il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier “durante i colloqui le differenze di opinione tra Kiev e Mosca sono risultate evidenti ancora una volta”, anche se le parti si sono dimostrate ben disposte a confermare il proprio impegno. “Se questo processo dovesse fermarsi gli accordi di Minsk sarebbero messi a rischio -  ha aggiunto Steinmeier -. Ma tutte le parti hanno confermato di voler evitare uno scenario del genere”.

Nel frattempo continuano gli scontri nella regione del Donbass, nella parte orientale dell'Ucraina, nonostante il cessate il fuoco. Diverse persone sono rimaste uccise.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta