Medicina: Un giovane russo si offre volontario per il primo trapianto di testa

Si tratta di un ragazzo di Vladimir affetto da una patologia degenerativa. A proporre il delicato intervento, un chirurgo italiano. Perplessa la comunità scientifica

È un russo di 30 anni il giovane volontario che si è offerto per il primo trapianto di testa su un altro corpo, preannunciato due anni fa dal chirurgo torinese Sergio Canavero.

 
Cambio di sesso, il record sovietico

Il ragazzo, programmatore informatico di Vladimir, si chiama Valery Spiridonov e soffre di atrofia muscolare spinale (o malattia di Werdnig-Hoffmann), una patologia che progressivamente blocca tutte le funzioni del corpo. Fin da quando aveva un anno, Valery è stato costretto alla sedia a rotelle. “Non ho molta scelta e voglio provare questa possibilità”, ha dichiarato Spiridonov. 

Sulla questione molti medici e scienziati si sono espressi con scetticismo, convinti sulle poche possibilità di successo dell’operazione.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta