Nel piccolo villaggio di Norenskaya inaugurato il Museo dedicato a Brodsky

Lo spazio espositivo è stato aperto nel luogo dove venne esiliato il poeta, nella regione di Arkhangelsk

È stato inaugurato nel piccolo villaggio di Norenskaya, nella regione di Arkhangelsk, il primo museo dedicato al poeta russo Joseph Brodsky, Premio Nobel per la letteratura. Qui, infatti, Brodsky venne esiliato da marzo 1964 a ottobre 1965.

Durante il suo esilio, l’artista continuò a comporre poemi e a pubblicare alcuni scritti su un giornale locale, fotografando al contempo la vita quotidiana del piccolo villaggio. 

Il progetto del museo venne concepito due anni fa e supportato da decine di entusiasti cittadini del posto. 

Nel luglio del 2014 iniziarono i lavori di ristrutturazione della piccola dacia dove visse Brodsky. Il costo del restauro ammonta a 5 milioni di rubli (circa 97mila dollari).
Nel museo sono esposti quegli oggetti che hanno fatto da sfondo alla vita quotidiana del poeta: dalla sedia dove si accomodava per scrivere le sue opere, alla lampara al cherosene che illuminava i suoi scritti. 

Originariamente era prevista anche l’apertura di un museo a San Pietroburgo, nel luogo dove nacque il poeta. Ma, così come dichiarato da Nina Popova, direttrice del Museo Anna Akhmatova, lo spazio espositivo aprirà le porte al pubblico solamente per un giorno, il 24 maggio, e aprirà completamente solo alla fine dell’anno: i lavori di restauro di questo museo sono infatti stati rinviati diverse volte.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta