Musei, scatta la guerra contro le aste per i selfie

La galleria Tretyakov di Mosca ne ha vietato l’utilizzo: “Disturbano e c’è il rischio di urtare le opere d’arte esposte”. Il divieto potrebbe essere adottato anche dal museo Pushkin

Una ragazza si scatta un selfie (Foto: Lori / Legion Media)

La Galleria Tretyakov di Mosca, che ospita la più grande collezione di belle arti russe al mondo, si unisce alla lista di musei che hanno vietato l’utilizzo dell’asta per fare i selfie. Lo ha riferito la curatrice capo del museo, Tatiana Gorodkova.

 
Il selfie con Medvedev

“La persone si fanno selfie vicino alle statue e alle opere esposte. Tenendo conto che i visitatori sono sempre molto numerosi, c’è il rischio di urtare qualcosa - ha detto -. La gente si accalca e rischia di urtare le opere esposte”. I selfie potrebbero inoltre disturbare gli altri visitatori e impedire loro di godersi le meraviglie del museo, ha aggiunto.

“Al museo si va per ammirare. È importante mantenere un’atmosfera di concentrazione. Permettendo di scattare selfie c’è il rischio che si formino capannelli di persone che potrebbero disturbare gli altri visitatori”.

Anche il museo Pushkin di Mosca potrebbe presto unirsi alla lista di gallerie che hanno deciso di vietare l’utilizzo delle aste selfie al proprio interno. 

Qui la versione integrale del testo

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta