Auto, General Motors riduce l’attività in Russia

L’azienda statunitense produttrice di autoveicoli ha annunciato l’imminente chiusura del suo impianto di assemblaggio a San Pietroburgo e la riduzione della produzione di vetture a marchio Opel e Chevrolet

"Abbiamo dovuto fare azioni decisive in Russia per proteggere il nostro business”. Così Karl-Thomas Neumann, amministratore delegato di Opel, ha spiegato la riduzione della produzione di vetture a marchio Opel e Chevrolet in Russia e la chiusura del suo impianto di assemblaggio a San Pietroburgo.

Il mercato russo, ha detto Neumann, è “un mercato che ha prospettive di lungo termine davvero difficili”.General Motors, l’azienda statunitense produttrice di Opel e Chevrolet, è diventato l’ultimo gruppo automobilistico a ridurre la propria attività nella Federazione.

Sanzioni internazionali, crollo del rublo e crisi economica continuano infatti a far scendere le vendite di auto: a febbraio le immatricolazioni sono calate del 38% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta