La Russia lascia il gruppo di consultazione congiunta sul Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa

Secondo il Cremlino sarebbe una decisione dettata da motivi di sicurezza

La Russia lascia il gruppo di consultazione congiunta sul Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa. Lo ha reso noto il 10 marzo il rappresentante ufficiale della Russia. Un decisione, fa sapere il Cremlino, dettata da motivi di sicurezza.

Il Trattato per la riduzione e la limitazione delle forze armate convenzionali in Europa è un accordo firmato a Parigi nel novembre del 1990 dai 22 paesi membri della NATO e dai paesi membri dell'ex-Patto di Varsavia e stabilisce un accordo di sostanziale equilibrio fra armi convenzionali e armamenti tra paesi dell'est e paesi dell'ovest europeo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta