Chiude Perm 36, il museo memoriale del gulag

Saltano gli accordi con l’amministrazione locale e il memoriale dedicato alle vittime della repressione politica chiude i battenti

Si spengono le luci su Perm 36, il museo memoriale del gulag, dove persero la vita dissidenti, disertori, difensori dei diritti umani, oppositori del regime comunista, politici, scrittori e scienziati. La decisione è stata presa a seguito del fallimento di alcuni accordi con l’amministrazione locale sulla salvaguardia del museo.

 
I segreti di Perm 36
Guardate il nostro video 

“Non riusciamo più a portare avanti la nostra missione e prendiamo atto del fallimento dei negoziati. Per questo la direzione dell’organizzazione senza scopo di lucro “Perm 36” ha deciso di porre fine alla propria attività”, si legge su un comunicato pubblicato dal museo.

Fondato nel 1992, il museo sulla storia della repressione politica è nato là dove un tempo sorgeva il gulag VS-389-36, conosciuto come Perm 36.  

Nel 2012 le autorità locali hanno terminato di finanziare i lavori di restauro del complesso museale. Successivamente la direzione del museo è stata deposta, ed è stata sostituita da nuove persone. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta