Energia, Komlev di Gazprom: “Il gas Usa non conviene all’Italia”

Lo ha dichiarato il capo direzione per la strutturazione dei contratti e dei prezzi di Gazprom export, Sergei Komlev, intervenuto a un seminario a Milano: “Le importazioni di gas dagli Stati Uniti presentano costi più alti dei nostri e non convengono all’Italia”

“Le importazioni di gas dagli Stati Uniti presentano costi più alti dei nostri e non convengono all’Italia”. Lo ha detto oggi a Milano il capo direzione per la strutturazione dei contratti e dei prezzi di Gazprom export, Sergei Komlev. Intervenuto al seminario italo-russo dell'Associazione Conoscere Eurasia, il top manager di Gazprom ha aperto anche all’industria di auto a gas italiana. “Il settore automobilistico apre prospettive di cooperazione interessanti – ha aggiunto Komlev –. L’Italia infatti, con circa 890mila autovetture a gas circolanti e 1.200 stazioni di rifornimento, si presenta come il paese leader nell’utilizzo del gas naturale liquefatto come carburante auto, con un segmento di domanda crescente”. 

Il seminario “Relazioni economiche e cooperazione industriali tra l’Italia e la Russia. Opportunità malgrado la crisi” è stato organizzato da Associazione Conoscere Eurasia e Consolato Generale della Federazione Russa a Milano in collaborazione con il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e Pavia e Ansaldo Studio Legale.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta