Gas, forniture a rischio se Ucraina non paga

Il colosso russo Gazprom ha avvertito che potrebbero esserci delle interruzioni nella fornitura di gas all’Europa se Kiev non dovesse saldare il proprio debito

Ci sarebbero "seri rischi per il transito di gas verso l’Europa" se Kiev non pagherà per tempo il debito previsto. Lo ha annunciato il colosso russo Gazprom, sostenendo che, se non verrà saldato il resto, Mosca si vedrà costretta a una "completa cessazione delle forniture di gas russo all'Ucraina, cosa che pone seri rischi per il transito di gas verso l’Europa”.

"Restano solo 219 milioni di metri cubi di gas preparato - aveva dichiarato ieri il ceo di Gazprom, Aleksei Miller -. Occorrono circa due giorni per trasferire il denaro necessario dal conto di Naftogaz a quello di Gazprom”. Già da domani, quindi, le forniture per l’Europa potrebbero essere a rischio. 

L’Europa infatti dipende dalla Russia per circa un terzo del suo fabbisogno. E metà di queste forniture passano proprio per l’Ucraina.  

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta