San Valentino, molti russi rinunceranno ai regali

Con la crisi economica fiori e regali nel giorno degli innamorati saranno tra le prime spese a essere tagliate

Per la prima volta dopo molti anni, nel giorno di San Valentino e della Festa della Donna i russi potrebbero rinunciare completamente ai regali. Colpa della crisi economica, scrive il giornale Moskovsky Komsomolets.

 
San Valentino alla russa

I fiori e i regali non sono generi di prima necessità. E non si esclude che siano tra le prime spese a essere tagliate”, ipotizza Timur Nigmatulin, analista di Finam. Che aggiunge: “Le famiglie più in difficoltà ovviamente rinunceranno completamente ai regali”.

Secondo un sondaggio condotto dal centro Vtsiom, la festa di San Valentino è la ricorrenza di origine straniera più popolare in Russia, celebrata dal 37% della popolazione: una percentuale che supera di gran lunga quella di Halloween (7%), del Capodanno cinese (5%) e del Giorno di San Patrizio (2%).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta