Crisi ucraina: secondo il 70% dei russi le sanzioni non devono influenzare la politica del paese

Lo rivela un sondaggio condotto dal centro Levada

Andare avanti per la propria strada, senza guardare in faccia le sanzioni. Ne è convinto il 69% dei russi, così come rivela un sondaggio del centro Levada, secondo il quale oltre la metà della popolazione sostiene che il paese debba portare avanti la propria politica, senza lasciarsi influenzare dalle sanzioni occidentali adottate contro Mosca a seguito della crisi ucraina.  

Secondo lo studio, il 21% degli intervistati crede invece che il governo dovrebbe fare concessioni all'Ucraina e cercare una soluzione di compromesso per risolvere la crisi.

Il 79% della popolazione ammette che le sanzioni stanno influenzando la vita dei cittadini russi, mentre il 34% precisa che le misure adottate dall'Occidente hanno avuto forti ripercussioni.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta