Provano a resuscitare Lenin, attivisti fermati

Appartengono al gruppo "Il Cavaliere Azzurro". Ora rischiano fino a quindici giorni di detenzione

Fermati e trattenuti una notte in stato di fermo. Succede a due attivisti russi che hanno provato a "resuscitare" la salma di Lenin sulla piazza Rossa con dell'acqua benedetta. Una perfomance ripresa anche per essere postata in Rete. Nel filmato si vedono i due membri del gruppo artistico 'Cavaliere azzurro', Oleg Basov ed Evgeny Avilov, che lanciano contro il mausoleo del padre della rivoluzione russa due taniche di acqua al grido "Alzati e va via!".

L'acqua era stata presa da una chiesa vicino alla Piazza Rossa: come da usanza, in Russia, nel giorno del battesimo del Signore, le parrocchie distribuiscono acqua benedetta ai fedeli che la portano a casa. Si tratta della festa di Kreshenie, celebre anche per i famosi bagni nelle acque ghiacciate in tutto il Paese. Non è la prima azione del 'Cavaliere azzurro', gruppo di San Pietroburgo: avevano già manifestato contro il rublo, la guerra in Ucraina e la corruzione. Accusati di "teppismo lieve" i due attivisti ora rischiano fino a 15 giorni di detenzione.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta