Caricature religiose vietate sulla stampa russa

Una nota del Roskomnadzor, l’ufficio per il controllo dei media, chiede di non riprodurre vignette “contrarie alle norme etiche e morali formatesi nel corso dei secoli dalla coabitazione di differenti fedi ed etnie sul territorio”

L’ufficio russo per il controllo dei media, Roskomnadzor, ha vietato la pubblicazione sulla stampa di caricature “che potrebbero essere viste come una violazione della legislazione russa”.

In seguito al dibattito sulla possibilità di pubblicare in Russia caricature religiose che potrebbero colpire i sentimenti dei credenti, Roskomnadzor sulla propria pagina Web ha precisato: “La pubblicazione di queste caricature sui media russi è contraria alle norme etiche e morali formatesi nel corso dei secoli dalla coabitazione di differenti fedi ed etnie sul nostro territorio”.

E, per precisare come la pubblicazione di tali vignette relative ai temi religiosi sia vietata in Russia, aggiunge: “Allo stesso modo Roskomnadzor vieta la riproduzione sulla stampa russa delle caricature sul profeta Maometto, apparse nel giornale danese Jyllands-Posten” (il giornale danese che per primo, nel 2005, pubblicò caricature su Maometto, ndr). 

Qui la versione originale del testo

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta