Riforma della sanità, proteste a Mosca

Medici e partiti di opposizione in piazza per dire “no” ai tagli previsti dal governo. A rischio quasi 26 ospedali e settemila posti di lavoro

I lavoratori, insieme ai partiti di opposizione, sono scesi in piazza per la seconda volta in un mese a Mosca per protestare contro i tagli del governo alla sanità. La riforma prevede la chiusura di alcuni ospedali e numerosi licenziamenti.

Secondo alcune fonti, si parla di circa settemila medici a rischio licenziamento e 26 ospedali che potrebbero essere chiusi.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta