Embargo, perdite record per gli agricoltori italiani

Lo rivela la Coldiretti

“Le esportazioni di prodotti Made in Italy in Russia sono crollate del 15,7 per cento per una perdita di quasi 166 milioni nel solo mese di ottobre”. Questi i dati diffusi dalla Coldiretti, sulla base di uno studio condotto dall’Istat sul commercio estero a ottobre. “Dall’analisi è evidente – si legge in una nota della Coldiretti -  che  le tensioni politiche hanno avuto riflessi anche sugli scambi di prodotti non colpiti direttamente dall’embargo, ma particolarmente significativi per l’Italia”.

“Inoltre - continua la Coldiretti - si assiste ad un aumento progressivo delle perdite determinate dalla riduzione dei flussi commerciali con il calo dell’export che era stato di 96 milioni di euro a settembre e di 33 milioni ad agosto”. 

“Ai danni diretti – conclude la Coldiretti – vanno aggiunti quelli indiretti determinati dalla diffusione sul mercato russo di imitazioni low cost dei prodotti italiani che rischiano di scalfire l’immagine dei prodotti originali nel tempo, dal parmesan al provolone, dalla mozzarella al salame”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta