Terrorismo e conflitti militari: ecco quali sono le paure dei russi

Un sondaggio ha fotografato i maggiori timori della popolazione russa

Terrorismo, immigrazione, conflitti militari e catastrofi ambientali. Sono queste le principali preoccupazioni per i cittadini russi, fotografate dal centro Vtsiom, che ha pubblicato i risultati del sondaggio “Quali sono le minacce considerate dai russi reali, e quali improbabili”. Secondo il 27% degli intervistati, il pericolo più grande è rappresentato da persone di diversa nazionalità. Un dato comunque in calo: dimezzato rispetto al 2005. 

Tra i timori dei russi, al secondo posto c’è la minaccia di nuovi attacchi terroristici. E sempre più persone considerano possibile la minaccia di un conflitto militare con i paesi limitrofi. La percentuale dei cittadini che la pensano così è passata dal 10 al 23%, che corrisponde quasi alla percentuale del 2005.

I russi sono inoltre preoccupati anche per la situazione ambientale: il 21% degli intervistati considera possibile un disastro ecologico. Tra i problemi ambientali vengono percepiti come reali quelli dell'esaurimento del petrolio e del gas, la caduta di un meteorite o altre minacce provenienti dallo spazio o epidemie di massa.

Tra le paure meno diffuse tra i russi vi sono: lo scoppio di una rivoluzione, la guerra civile, la disintegrazione del paese o la presa del potere da parte dei fascisti. Queste preoccupazioni riguardano infatti solo il 10% degli intervistati.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta