Le Pussy Riot nella terza stagione di House of Cards

Due componenti della band, Nadezhda Tolokonnikova e Maria Alekhina, hanno partecipato come ospiti d’eccezione alla serie televisiva

Due componenti della band Pussy Riot, Nadezhda Tolokonnikova e Maria Alekhina, hanno partecipato come ospiti d’onore alla serie televisiva “Gli intrighi del potere” (House of Cards).

“Intrighi del potere”, il cui protagonista è Kevin Spacey, è una serie televisiva americana di genere drammatico ambientata nel mondo della politica, realizzata dal servizio di streaming Netflix e prodotta da David Fincher. Andata in onda per la prima volta nel 2013, si basa sulla mini-serie televisiva britannica dallo stesso titolo. Stando a quanto riferito dal Baltimore City Paper, due fonti vicine alla produzione del programma hanno rivelato che Tolokonnikova e Alekhina avrebbero preso parte alle riprese, e che appariranno in un episodio della terza stagione. Nadezhda Tolokonnikova e Maria Alekhina erano state condannate a due anni di carcere per aver preso parte nel febbraio del 2012 a una “preghiera punk” inscenata all’interno della cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca. La preghiera, e il successivo verdetto, hanno conferito alle ragazze una grande popolarità.

Alekhina e Tolokonnikova sono state scarcerate nel dicembre del 2013, a seguito di un’amnistia. Durante la detenzione, le due avevano affermato di voler perseguire una carriera nel campo dei diritti umani. Dopo la scarcerazione le due rappresentanti della band hanno partecipato a un concerto di beneficenza che si è tenuto a New York, in occasione del quale sono state salutate da Madonna, hanno incontrato la rappresentante permanente degli Usa presso le Nazioni Unite Samantha Power, e sono apparse nel programma televisivo The Colbert Report. Alla vigilia delle Olimpiadi di Sochi, le ragazze hanno inoltre girato diversi video di natura provocatoria. Lo scorso luglio Maria Alekhina ha firmato come opinionista un articolo apparso sul Guardian nel quale commentava il modo in cui la stampa russa ha trattato il disastro del volo MH17. Stando a quanto si legge sui post apparsi di recente sulla pagina Facebook di Nadezhda Tolokonnikova, la donna attualmente è impegnata a far recapitare libri nelle colonie penali e a scegliere rappresentanti legali per la difesa dei carcerati. Inoltre, si legge, segue ogni giorno l’applicazione del Diritto del lavoro della Federazione russa all’interno delle colonie penali”. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta