Calcio, attimi di tensione durante la partita Zenit-Dinamo: rissa tra tifosi in campo

Gruppi di ultras hanno rotto il cordone della polizia assalendo i giocatori. Colpito al volto il capitano della squadra ospite, Vladimir Granat. Incontro sospeso

È stata una domenica di tensione a San Pietroburgo, dove l’11 maggio 2014 si disputava la partita della penultima giornata del campionato russo di calcio tra Zenit San Pietroburgo e Dinamo Mosca. Cinque minuti prima del fischio finale, quando il match stava ormai finendo 4-2 a favore della Dinamo Mosca, i tifosi dello Zenit hanno rotto il cordone di polizia, facendo irruzione in campo. Alcuni ultras hanno assalito i giocatori, costringendo l’arbitro a interrompere l’incontro.

Il capitano della Dinamo Mosca, Vladimir Granat, è stato anche colpito al volto da un sostenitore. Diversi i tifosi fermati dalla polizia.

“Lo Zenit è molto dispiaciuto per quanto accaduto in campo domenica - ha fatto sapere il capo dell’ufficio stampa del club, Evgeny Gusev -. Speriamo che i colpevoli siano puniti. Noi nel frattempo rivedremo i nostri rapporti con la tifoseria”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta