Il festival online Dubl Dv@ porta il cinema russo nel mondo

Fino al 21 aprile 2014, sul sito di Rossiyskaya Gazeta sarà possibile seguire la quinta edizione della rassegna che raccoglie le migliori pellicole russe, presentate in lingua originale e con i sottotitoli in inglese

Il 7 aprile, il sito di Rossiyskaya Gazeta (società madre di RBTH) ha lanciato la quinta edizione del festival online Dubl dv@ (Take Two). Il festival raccoglie i migliori film russi dello scorso anno, con sottotitoli in inglese. Non si tratta di film d'essai, né di blockbuster, ma di cinema alla portata di tutti. I film della quinta edizione del Festival abbracciano un’ampia varietà di generi: dramma, commedia lirica, satirica e allegorica. Insieme alle voci di registi noti ci sono anche le opere di due registi esordienti di talento che hanno vinto numerosi premi in occasione dei festival.

Il cinema russo sta vivendo un momento di passaggio generazionale e circa la metà dei nuovi film sono realizzati da registi esordienti. Tra i lavori più brillanti, c’è il film drammatico di Dmitri Tyurin "Thirst" (“Sete”) che ha conquistato il premio come miglior attore a Honfleur (Francia). Nel film, il giovane protagonista viene ferito durante la campagna di guerriglia in Cecenia quando il suo esercito lo salva da un veicolo corazzato in fiamme. Nel film viene rappresentato il tentativo di integrarsi in una vita tranquilla, ma le cicatrici emotive fanno molto più male del suo viso deformato. La vita delle zone più isolate della Russia è raffigurata nel dramma di Andrei Proshkin, "Moth Game" (“Il Gioco della Falena”), in cui il popolare attore Alexei Chadov interpreta un talentuoso musicista rock di 16 anni che sogna di competere in un concorso televisivo di Mosca. I sogni di gloria si scontrano però con la vita di routine dei lavoratori alla periferia di una piccola città di provincia degli Urali. Un esito più drammatico attende il destino delle donne di un villaggio della costa settentrionale che aspettano pazientemente che i loro mariti facciano ritorno da un viaggio sottomarino.

Il genere "film per famiglie" è rappresentato da "Private Pioneer" (“Il Pioniere segreto”) ambientato in una tipica scuola sovietica degli anni Settanta. Nel film, alcuni bambini salvano un cane randagio dalla morte. Il lungometraggio ha vinto più di 10 premi in occasione di festival internazionali, da un Grand Prix a un premio del pubblico.

Al festival partecipa anche Karen Shakhnazarov, famoso regista russo, con il film "The Vanished Empire" (“L’impero svanito”). L’opera contesta l’espressione "impero del male" con cui veniva comunemente additata l’Unione Sovietica. Anche se il male era molto presente non ha impedito alle persone di vivere e sognare e progettare il futuro senza sapere però che nel giro di pochi anni il paese che consideravano incrollabile sarebbe scomparso dalla faccia della Terra e i romantici sogni giovanili si sarebbero scontrati con la dura realtà della vita.

Il genere della commedia moderna è rappresentato in quasi tutte le sue declinazioni, dalle liriche avventure romantiche di giovani russi e lituani in Georgia ("Love with an accent" - “Amore con l’accento” di Rezo Gigineishvili), al ritratto satirico di un burocrate ricco e di successo che però si innamora in maniera inopportuna ("Crawfishlike" – “Come un gambero” di Ilya Demichev), alla parabola quasi grottesca di Dmitri Astrakhan “Nice and Good People Live on Earth” ("Il mondo è abitato da persone gentili e buone"), che è montato in maniera approssimativa, ma costringe lo spettatore a riflettere sugli enigmi del carattere russo.

Con i termini "cinema", "teatro" ci si riferisce non solo a una stanza con file di sedie, ma anche alla natura dell'arte del cinema che è in gran parte basata su principi e tradizioni teatrali. Il festival comprende alcuni film sul mondo del teatro ("Exercises with Beauty" – “Esercizi con la bellezza” di Victor Shamirov sugli attori che conducono tour itineranti nelle province; "Morte a Pince-Nez o il nostro Cechov" di Anna Chernakova, un thriller contemporaneo che rappresenta una sorta di sequel de "Il giardino dei ciliegi"). Verranno anche trasmessi alcuni adattamenti cinematografici di successo di spettacoli teatrali: "Il giardino dei ciliegi" di Cechov e "Vassa", basato sull’opera di Gorky "Vassa Zheleznova". Il genere del teatro è in realtà rappresentato nel programma con le versioni video di due famosi musical russi: "Caterina la Grande" di Sergei Drezin, che racconta come la principessa tedesca Fike sia diventata una delle più potenti imperatrici della Russia; e "Nord-Ost" di Georgy Vasiliev e di Alexei Ivaschenko basato sul romanzo "I Due Capitani" di Venyamin Kaverin. Entrambi gli spettacoli e quasi tutti i film verranno trasmessi con sottotitoli in inglese. Invitiamo gli spettatori provenienti dai cinque continenti ad approfondire la conoscenza del cinema e del teatro russi contemporanei e a condividere le proprie reazioni nel forum online del festival.

Il festival online offre una rara opportunità per il pubblico di entrare in contatto diretto con i registi: prima della visione, il pubblico potrà ascoltare un’introduzione da parte di registi e sceneggiatori e subito dopo si potranno condividere le proprie opinioni, fare delle domande al regista e votare il film su una scala fino a 10 punti. Il risultato determinerà il vincitore nella categoria del premio scelto dal pubblico. Gli autori delle migliori recensioni pubblicate sul forum del festival vinceranno dei premi celebrativi. In concorso nella competizione principale ci saranno 11 film. Le anteprime del Festival verranno trasmesse tutti i giorni, a partire dalle 15, ora di Mosca, e ciascun film potrà essere visto per 48 ore da qualsiasi punto del globo. La maggior parte dei film e dei musical teatrali in concorso verranno trasmessi con sottotitoli in inglese. Il Festival online di Rossiyskaya Gazeta durerà dal 7 al 21 aprile sul sito www.rg.ru/d2

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta