Bogdanov scippa il nome al partito di Navalny

Il ministero della Giustizia ha autorizzato l'ex candidato alla guida del Cremlino a utilizzare il nome del partito fondato dal blogger

Un furto di nome. Succede a Navalny, l'oppositore numero 1 di Putin, cui hanno "rubato" la sigla del suo partito, Alleanza popolare. Un'altra formazione politica, Rodnaia Stranà (Paese natale), registrato di recente, ha ottenuto dal ministero della giustizia l'autorizzazione lampo a cambiare nome, scippandolo a Navalny.

A guidare Rodnaia Stranà è Andrei Bogdanov, 43 anni, ex candidato presidenziale nel 2008 e Gran Maestro della Grande loggia di Russia, considerato da molti una pedina del Cremlino.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta