Adozioni, saranno consentite solo all'Italia

Il motivo: "È l'unico Paese che non riconosce la validità delle unioni tra gay". Così Pavel Astakhov, rappresentante del Cremlino per i diritti dell'infanzia

Adozioni di bambini russi consentite solo all’Italia. Perché non riconosce i matrimoni gay. Lo ha dichiarato oggi il rappresentante del Cremlino per i diritti dell’Infanzia, Pavel Astakhov, come riferisce l’agenzia Interfax.

Per Astakhov, "ci risulta che attualmente l’Italia è l’unico Paese i cui cittadini hanno la possibilità di adottare bambini russi". Il motivo: "L'Italia non riconosce il matrimonio omosessuale, e, di conseguenza, non dobbiamo cambiare nulla nell’accordo vigente e, inoltre, loro rispettano i termini di questo accordo". Il rappresentane per i diritti dell’infanzia ha precisato che la Russia ha un accordo bilaterale di adozione solo con l’Italia, mentre la Francia non ha completato le procedure di ratifica del documento.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta