Scomparsa una delle Pussy Riot

Il marito della giovane sostiene di non avere più sue notizie da quando è stata trasferita dalla colonia penale dove stava scontando la sua pena

Non si hanno sue notizie da circa quindici giorni. Da quando è stata trasferita dalla colonia penale nella quale stava scontando la sua pena con l’accusa di teppismo motivato da odio religioso. Nadezhda Tolokonnikova, una delle componenti del gruppo punk Pussy Riot, è sparita senza lasciare tracce. A denunciarne la scomparsa, il marito, Petr Verzilov, leader del gruppo artistico Voina (Guerra).

Il trasferimento della giovane era avvenuto dopo il rientro dall’ospedale, dove era stata ricoverata a seguito dello sciopero della fame indetto per protestare contro le misure del carcere, da lei definite “inumane”.

La giovane è stata incarcerata a seguito della performance punk nella cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca, dove si era esibita insieme alle altre componenti del gruppo intonando una “preghiera anti-Putin”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond