Omicidio Politkovskaya, rinviato il processo

Cinque sospettati alla sbarra per l’assassinio della giornalista, avvenuto nel 2006; uno degli imputati, in quarantena, fa slittare l'udienza al 7 novembre 2013

Il tribunale di Mosca ha posticipato per la sesta volta le udienze nel processo per l’assassinio di Anna Politkovskaya, previste per il 29 ottobre 2013, a causa del regime medico di quarantena a cui è sottoposto uno degli imputati, presso un centro di detenzione.

La prossima udienza è fissata per il 7 novembre 2013. Il giudice della corte di giustizia moscovita ha affermato che l’imputato Sergei Khadzhikurbanov potrebbe essere trasferito in un’altra prigione.

Khadzhikurbanov, un ex agente di polizia, è uno dei cinque sospettati attualmente sotto processo, con i fratelli Rustam Makhmudov, Ibragim Makhmudov e Dzhabrail Makhmudov e allo zio di questi, Lom-Ali Gaitukayev.

Anna Politkovskaya, reporter d’assalto del quotidiano indipendente Novaya Gazeta, è stata uccisa a colpi d’arma da fuoco all’età di 48 anni., il 7 ottobre 2006, nell’ascensore della sua abitazione nel centro di Mosca. Il suo omicidio è stato collegato all’insabbiamento dei crimini contro i diritti umani in Cecenia.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta