In Russia per promuovere le bellezze di Asiago

Due incontri a Mosca e San Pietroburgo per illustrare l’offerta turistica delle Alpi Dolomitiche

Una missione per far conoscere ai russi la montagna veneta, anzi, per farli innamorare di Asiago e delle Alpi Dolomitiche: con questo obiettivo il Consorzio Turistico Asiago 7 Comuni ha promosso due incontri, il 14 ottobre 2013 a Mosca e il 16 ottobre a San Pietroburgo, in sinergia con l’Enit (Ente nazionale italiano del turismo) e l’Ambasciata italiana in Russia.

Nel corso dei due appuntamenti, organizzati nell’ambito dell’Anno incrociato del Turismo Italia-Russia, il presidente del Consorzio Roberto Rigoni Stern e il vicedirettore David Sterchele hanno illustrato a un pubblico di circa 50 tra giornalisti e operatori del settore viaggi l’offerta turistica dell’Altopiano: “Finora - ha spiegato Rigoni, - Asiago e l’Altopiano non sono mai stati oggetto di una incisiva promozione all’estero. Da qui l’idea di organizzare, in un Paese strategico dal punto di vista turistico come la Russia, degli incontri con la stampa specializzata e i tour operator locali, per valorizzare le eccellenze del nostro territorio, in particolare lo sci di fondo, il golf, il trekking, la mountain bike”.

Le località di montagna accolgono sempre più spesso visitatori stranieri, tra cui i russi che rappresentano attualmente il target più interessante. Nel 2012 il Veneto è stato la meta preferita di 15,8 milioni di turisti a cui corrispondono circa 62 milioni e 400mila presenze. Il flusso straniero ha costituito il 64,8% delle presenze complessive: la Germania resta al primo posto, ma si rafforza la presenza russa, che ha raggiunto quasi 282mila arrivi e 864mila presenze.

Ai potenziali turisti in arrivo dalla Federazione è dedicata anche una sezione in lingua russa sul sito www.asiago.to. “Questa - ha affermato Rigoni, - è solo la prima di una serie di iniziative mirate a coinvolgere gli operatori russi, per i quali verrà organizzato entro fine 2013 un educational ad Asiago, affinché possano toccare con mano la nostra ricca offerta turistica”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta