Gusti retrò a tavola: torna il festival Buona Italia

Dedicata agli antichi sapori del Belpaese, la kermesse coinvolgerà cinque città russe fra ricette dimenticate e piatti di un tempo

I sapori mediterranei arrivano sulle tavole dei 50 ristoranti russi che aderiscono al Festival (Foto: ufficio stampa)

Il meglio della cucina italiana, in salsa retrò. Antiche ricette, gusti dimenticati, sapori di un tempo e combinazioni leggendarie: sarà questo il tema della sesta edizione del Festival Buona Italia (dal 22 ottobre al 27 novembre 2013), che torna a coinvolgere 50 ristoranti italiani in cinque diverse città russe.

Mosca, San Pietroburgo, Sochi, Ekaterinburg e Samara: questi i luoghi che aderiranno alla manifestazione, inserita nell’ambito dell’Anno incrociato del Turismo tra Russia e Italia, organizzata dalla rivista Buona Italia in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Mosca, il Ministero italiano degli Affari Esteri, il Ministero italiano dello Sviluppo Economico, le Camere di Commercio italiane, la Camera di Commercio italo russa e l’Istituto Nazionale Ricerche Turistiche.

Guarda la fotogallery
dell'edizione 2012 del Festival

Fra conferenze, convegni, manifestazioni, incontri B2B e degustazioni, in ogni città i ristoranti che aderiscono all’iniziativa prepareranno particolari menu, dando la possibilità ai clienti di conoscere più da vicino segrete prelibatezze italiane.

L’edizione 2013 conta la partecipazione della Regione Marche, protagonista tra l’altro di una mostra open air, allestita nel vicolo Stoleshnikov di Mosca, dove verranno presentate foto d'archivio di brand famosi come Ferrero, Monini e Galbani.

A margine della fiera Moscow Wine Expo, il 12 novembre 2013 all’hotel Metropol di Mosca si terrà la masterclass enogastronomica “La coppia ideale”, omaggio alla combinazione tra antipasti, dolci e vini.

Spazio anche ai bambini: durante il festival i più piccoli potranno partecipare a divertenti laboratori culinari organizzati nell’ambito della festa “Piccola Italia”, realizzata in collaborazione con il ristorante Sorbetto di Mosca.

Per maggiori informazioni, cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta