Il Coro dell’Armata Rossa all’Eurofestival 2014

Il celebre complesso canoro dell’esercito russo parteciperà alla kermesse continentale a Copenaghen

Il Coro dell’Armata Rossa parteciperà nel 2014 all'edizione dell’Eurovision Song Contest, meglio noto come Eurofestival, che si terrà a Copenaghen.

Lo ha annunciato il 10 ottobre 2013 il direttore del complesso canoro.“Abbiamo già i testi, ora dobbiamo trovare un compositore”, ha detto ai giornalisti Leonid Malev, del Complesso Accademico di Canto e Ballo dell'Esercito "A.V. Aleksandrov". “Speriamo che i testi catturino l’attenzione dei cittadini russi ed europei”, ha aggiunto, senza precisazioni ulteriori.

Le eliminatorie russe per partecipare all’Eurofestival 2014 prenderanno il via a novembre e dureranno fino al 31 dicembre 2013. Il complesso Aleksandrov è già comparso sul palco dell’Eurofestival nel 2009, quando ha eseguito il tema d’apertura della finale della manifestazione a Mosca, senza però partecipare alla gara.

L’ensemble, composto da un coro maschile, un’orchestra e un corpo di ballo, è stato fondato nel 1928. Sebbene la maggior parte dei componenti attuali siano civili, tutti vestono l'uniforme dell’esercito per i concerti e sono un punto fermo nelle celebrazioni a tema militare in Russia.

Il repertorio del Coro comprende circa duemila componimenti; nella maggior parte dei casi si tratta di canzoni tradizionali russe e brani dell’epoca sovietica, ma vi sono inclusi anche classici dell’opera e occasionali successi pop.

Il Coro si è esibito in numerosi tour e ha cantato tra gli altri con i Pink Floyd, i membri della rock band finlandese Leningrad Cowboys e le t.A.T.u.

Il complesso, che celebra quest’anno l’85mo anniversario di fondazione, ha anche registrato di recente una “versione giovanile” dell’inno nazionale della Russia insieme ad alcune pop stars russe. Il 6 ottobre 2013 ha eseguito l’inno a Mosca davanti a circa 200 membri del principale club motociclistico del Paese, i Night Wolves, che hanno ospitato il Presidente Vladimir Putin in diverse occasioni.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta