Ortona e Volgograd, un gemellaggio in nome della storia

Il comune abruzzese, definito “la Stalingrado d’Italia” per la durezza dei combattimenti di cui fu teatro nel 1943, celebra l’amicizia con la città russa in cui si svolse la più decisiva battaglia della Seconda Guerra Mondiale
Foto: Ufficio Stampa
Su iniziativa del consigliere comunale
della città di Ortona (Chieti)
GiulioNapoleone (nella foto)
a dicembre 2013 il comune abruzzese
siglerà il gemellaggio con Volgograd
(Foto: Ufficio Stampa)

È il ricordo delle dolorose vicende da cui entrambe le città furono investite nel corso della Seconda Guerra Mondiale ad aver spinto gli amministratori italiani e russi a organizzare un gemellaggio tra Ortona, comune di 23mila abitanti in provincia di Chieti, e Volgograd, il capoluogo russo un tempo noto come Stalingrado: il patto d’amicizia verrà ufficialmente celebrato nel dicembre 2013.

Nella città sulle rive del Volga, tra il 21 agosto 1942 e il 2 febbraio 1943, le truppe dell’Asse e dell’Unione Sovietica si fronteggiarono in accaniti combattimenti che produssero la distruzione pressoché totale dell’allora Stalingrado e costarono alle parti circa 2 milioni di perdite tra caduti, dispersi e prigionieri: la vittoria sovietica fu decisiva nel favorire il rovesciamento delle sorti del conflitto.

Ad Ortona, invece, fu una divisione canadese a impegnare in uno scontro casa per casa i paracadutisti tedeschi, nel dicembre 1943: la durezza della battaglia valse alla cittadina abruzzese una medaglia d’oro al valor civile e il soprannome, coniato da Winston Churchill, di “Stalingrado d’Italia”.

Nell’ambito delle numerose attività con cui il Comune di Ortona accompagnerà il gemellaggio, si segnala la mostra fotografica sulla battaglia di Stalingrado, che verrà ospitata dal 12 ottobre al 14 novembre 2013 nelle sale del Palazzo Farnese. La giornata di domenica 13 ottobre 2013 prevede, nella mattina, un momento solenne al Sacrario delle vittime civili della Seconda Guerra Mondiale e una messa celebrata congiuntamente con rito cattolico e ortodosso, in memoria delle vittime delle due battaglie.

Accanto alla mostra sono in cantiere altre iniziative culturali: una rassegna sul cinema russo e di genere, giornate di approfondimento nella biblioteca comunale, una giornata formativa riservata alle scuole primarie e secondarie e un seminario scientifico, dal titolo “Stalingrado: il sacrificio che liberò il mondo”, che si terrà sabato 12 ottobre 2013 nel Teatro Tosti, con la partecipazione di studiosi russi e italiani.

Per maggiori informazioni cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond