Arte, c’è anche l’Italia alla Quinta Biennale di Mosca

Un’esposizione collaterale dedicata alle venti regioni del Belpaese nell’importante rassegna artistica della capitale russa che parte il 18 settembre 2013

C’è anche un evento dedicato all’Italia nella Quinta Biennale di Mosca, ormai prossima all’inaugurazione il 18 settembre 2013: si tratta dell’esposizione collaterale “Venti per una: venti regioni per un’Italia. Venti artisti per una mostra. Uno sguardo laterale”, promossa dall’Istituto Garuzzo per le Arti Visive – IGAV di Torino, che verrà ospitato dall’Accademia russa delle Arti Zurab Tsereteli dal 27 settembre al 20 ottobre 2013 (per maggiori informazioni cliccare qui).

La collettiva propone i lavori di venti artisti, maestri affermati o giovani emergenti attivi in altrettante regioni italiane, selezionati dalla curatrice Martina Corgnati. La rassegna sarà successivamente ospitata a San Pietroburgo, al Loft Rizzordi Art Foundation, dal 29 ottobre al 17 novembre 2013, prima di iniziare un tour in diverse città europee nel 2014.

Il progetto principale della Biennale, intitolato “More Light”, aprirà invece dal 20 settembre al 20 ottobre 2013 negli spazi del Maneggio, a due passi dal Cremlino, dove verranno presentate le opere di oltre settanta artisti e collettivi provenienti da quaranta Paesi diversi, tra cui l’Italia presente con Andrea Bianconi.

Il tema della rilevanza dello spazio e del tempo è il criterio scelto per la selezione dei lavori in questa edizione, secondo la curatrice belga Catherine de Zegher.

Tra i numerosi eventi paralleli della Biennale di Mosca si segnalano l’esposizione “Roots, Growth – Us”, dedicata ai confronti tra artisti russi e stranieri e visitabile fino al 28 settembre 2013 nel Museo storico di Stato e il progetto speciale “The Department of Labour and Employment” nella Galleria Tretyakov, un viaggio nella storia del lavoro tra arte sovietica e postsovietica dagli anni Sessanta al 2000.

Per maggiori informazioni sulla Biennale di Mosca cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie