Sgarbi a San Pietroburgo per fondare il Padiglione Italia

Il critico d'arte ha incontrato il governatore locale per discutere la realizzazione di nuovi progetti tra i due Paesi

Dopo la sottoscrizione del recente accordo per realizzare a Venezia il Centro scientifico culturale “Ermitage Italia”, ora un pezzo d'Italia vola a San Pietroburgo, per rafforzare quel legame che unisce la città degli zar al Belpaese.

Il critico d’arte Vittorio Sgarbi, su invito del governo locale, ha fatto visita a San Pietroburgo dove ha discusso nuove iniziative culturali da avviare in collaborazione con la città russa.

Insieme ad alcuni collaboratori, Sgarbi ha incontrato nella sede istituzionale del Palazzo Smolny il governatore della città, Georgy Poltavchenko, con il quale ha parlato per oltre un’ora di progetti futuri: in cantiere, anche l’apertura di un Padiglione Italia negli spazi museali di un prestigioso palazzo di San Pietroburgo.

Al termine del colloquio con Poltavchenko, Sgarbi ha fatto visita al Console italiano Luigi Estero e al direttore dell’Istituto italiano di Cultura, Redenta Maffettone. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta