La Russia dice addio ad Alberto Bevilacqua

Il giornalista, scrittore e regista, morto a Roma il 9 settembre 2013, era conosciuto anche nella Federazione, dove erano stati diffusi alcuni suoi lavori

Anche la Russia saluta Alberto Bevilacqua, giornalista, scrittore e regista, morto il 9 settembre 2013 in una clinica di Roma dove era ricoverato da tempo. Vincitore del premio Campiello con "Questa specie d'amore", del premio Strega con "Per l'occhio del gatto" e per due volte del premio Bancarella, Bevilacqua era conosciuto anche in Russia grazie alla traduzione del libro “Una scandalosa giovinezza” (“Skandalnaya molodost”, tradotto dal Centro informativo russo-baltico Blitz”), e grazie alla diffusione di alcuni suoi film.

Nella Federazione erano conosciute, infatti, anche le pellicole “La donna delle meraviglie” e “La Califfa”, proiettate tra l’altro a San Pietroburgo nel 2008 in occasione di una rassegna, alla quale era stato inviato a partecipare anche lui stesso.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie