Caso Shalabayeva, arrestata a Mosca la legale di Ablyazov

La donna sarebbe coinvolta nella vicenda giudiziaria legata all'oppositore kazako, in carcere in Francia

L’avvocatessa ucraina Elena Tischenko, collaboratrice del banchiere kazako Mukhtar Ablyazov, marito di Alma Shalabayeva, la donna espulsa dall'Italia a maggio 2013 insieme alla figlia di sei anni, è stata arrestata il 30 agosto 2013 a Mosca. La Tischenko, secondo gli investigatori russi, sarebbe coinvolta in un’operazione di frode: secondo quanto riporta Kommersant, l’avvocatessa, dal 2010 collaboratrice di Ablyazov, sarebbe coinvolta nella legalizzazione di proprietà immobiliari rubate, per un valore che si aggira intorno ai 3,3 miliardi di dollari.

Secondo la stampa, l'avvocatessa sarebbe una delle figure chiave della vicenda legata ad Ablyazov, oppositore kazako, ricercato nel suo Paese per frode, per il quale Kiev e Mosca hanno già chiesto l'estradizione alla Francia, dove è in carcere.

La Tischenko è stata fermata in un albergo della capitale russa, dopo aver fatto rientro da Cipro.

Ablyazov nel frattempo resta in carcere in Francia, mentre sua moglie e sua figlia sono state consegnate al al Kazakhstan.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie