Medvedev in visita alla Sochi olimpica

A sei mesi dall'inizio dei Giochi invernali, il primo ministro russo si è recato nei cantieri sul Mar Nero per un'ispezione

Foto: Reuters

Il premier Dmitri Medvedev sorvola i cantieri olimpici di Sochi (Foto: Reuters)

A sei mesi dal via delle Olimpiadi invernali 2014 il premier Dmitri Medvedev si è recato nei cantieri di Sochi per un’ispezione al Parco Olimpico, sulle sponde del Mar Nero, al Palazzo del ghiaccio “Bolshoj”, che ospiterà il torneo di hockey, nonché al Centro di pattinaggio “Adler-Arena” e al complesso alberghiero “Apart-hotel”.

Nel constatare che i siti olimpici sono praticamente pronti, Medvedev ha sottolineato: "Bisogna controllare la fase conclusiva dei lavori, con incentivi o penali, qualora fossero violati i termini prestabiliti. Con le infrastrutture, nei trasporti e nelle telecomunicazioni, tutto deve essere portato a termine e al massimo della qualità. Bisogna, inoltre, dedicare una dovuta attenzione alla sicurezza e alla sinergia di tutte le forze di pronto intervento, affinché il soggiorno a Sochi sia comfortevole per tutti".

"Nei prossimi mesi, - ha aggiunto il vice premier Dmitri Kozak, che segue la tematica olimpica, - sono in programma una serie di esercitazioni importanti. Ora inizieranno le esercitazioni per le situazioni d’emergenza, con la partecipazione di dieci strutture interessate. Si tratta del maltempo, del cambiamento degli orari delle gare e tanti altri episodi che rientrano nella lista del Comitato Olimpico internazionale".

Dmitri Chernyshenko, capo del Comitato Organizzatore “Sochi 2014”, ha fatto il punto della situazione indicando che nel corso di 70 gare della scorsa stagione i siti olimpici sono stati altamente apprezzati dagli atleti e dagli esperti delle federazioni internazionali.

Alle Olimpiadi invernali di Sochi arriveranno seimila atleti di 80 Paesi e saranno coinvolti 25mila volontari. "È necessario, - ha sottolineato Medvedev, - tener presente l’ottima esperienza organizzativa delle Universiadi di Kazan".

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie