Snowden ha ricevuto il permesso di lasciare la zona transiti di Sheremetevo

L'ex dipendente Cia, nell'aeroporto moscovita dal 23 giugno 2013, ha ottenuto i documenti necessari dal Servizio Immigrazione russo

Il Servizio Federale dell'Immigrazione (Fsm) ha consegnato all'ex dipendente della Cia, Edward Snowden, i documenti necessari per poter uscire dall'area transiti dell'aeroporto moscovita di Sheremetevo, dove si trova dal 23 giugno 2013. Lo ha reso noto Ria Novosti, citando una fonte propria.

La fonte dell'agenzia di stampa sostiene che il certificato sia stato rilasciato a Snowden il giorno stesso che la cosiddetta talpa del Datagate ha presentato domanda di asilo; se la dogana non avrà obiezioni, l'americano può liberamente lasciare l'area transiti. La richiesta di asilo in Russia fu depositata il 16 luglio 2013.

Secondo una fonte di Interfax a Sheremetevo, Snowden ha lasciato la sua stanza nella zona transiti dell'aeroporto, ha recuperato i suoi effetti personali, ma non ha ancora lasciato la zona transiti stessa. L'interlocutore dell'agenzia, consapevole della situazione, ha aggiunto che l'americano dovrebbe lasciare l'area transiti nelle prossime ore, dopo un incontro con l'avvocato che consignerà il certificato del Servizio Immigrazione.

Edward Snowden si trova nella zona transiti di Sheremetevo dalla fine del mese di giugno 2013. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annullato il suo passaporto americano e l'ex dipendente della Cia non poteva lasciare Mosca per altri Paesi che potevano dargli lo status di rifugiato politico. Negli Stati Uniti Snowden rischia l'ergastolo o la pena di morte.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta